Starlink US Velocità di download dimezzate rispetto allo scorso anno mostra un piccolo sondaggio

Con la costellazione Internet satellitare Starlink di Space Exploration Technologies Corporation (SpaceX) che continua ad aggiungere più abbonati, la sua velocità media di download continua a diminuire in base ai dati forniti da alcuni utenti del servizio da tutto il mondo. Starlink mira a sviluppare una costellazione satellitare di migliaia di veicoli spaziali e alla fine fornire ai suoi utenti una connettività Internet che dipende in minima parte dalle infrastrutture di terra.

Starlink migliora significativamente la latenza nel corso di un anno

I dati di oggi provengono dal sito Web Starlinkstatus, che mostra i dati raccolti dagli utenti dal primo trimestre dello scorso anno. È un progetto che richiede agli utenti di installare software sui propri dispositivi e contribuire al repository dei dati. Attualmente, poiché Starlink aumenta la sua presenza globale, anche il numero di paesi che contribuiscono alla piattaforma è aumentato, con la Nuova Zelanda e il Canada che sono le ultime aggiunte.

Il sito Web mostra i dati dagli Stati Uniti, dall’Europa e dal resto del mondo in tre categorie: le velocità di download e upload e il ping. Il ping, comunemente noto come latenza, è il tempo impiegato dai dati per viaggiare da e verso un utente e viene utilizzato per valutare le prestazioni di una rete per diverse applicazioni come giochi e videoconferenze.

Nel complesso, Starlinkstatus utilizza i dati di 74 stazioni, il che, date le centinaia di migliaia di utenti che utilizzano il servizio, è una goccia nell’oceano. Un’analisi del test di velocità condotta da Ookla, che gestisce la popolare applicazione SpeedTest, è un indicatore migliore delle prestazioni della rete poiché aggrega i dati da un numero significativamente maggiore di utenti rispetto a StarlinkStatus.

I dati mostrano che, in media, gli utenti Starlink negli Stati Uniti hanno visto circa 75 Mbps di velocità di download, 10 Mbps di velocità di caricamento e 56 millisecondi (ms) di latenza. Rispetto ai risultati dell’anno scorso, tutti e tre segnano cali da 141 Mbps in download, 20 Mbps in upload e 51 ms in latenza. Tuttavia, un’analisi un po’ più approfondita dei dati mostra che gli sforzi di Starlink per ridurre la latenza stanno dando i loro frutti.

Mentre la latenza media è aumentata, i valori più alti sono diminuiti. I risultati dello scorso anno di luglio hanno avuto una latenza massima di 985 millisecondi e questa volta è stata ridotta a 567 ms per un miglioramento significativo del 41%.

Anche le velocità medie nell’Unione Europea e in altri paesi sono diminuite. I dati di luglio 2021 indicavano le velocità medie di download di 176 Mbps e 157 Mbps, le velocità di upload di 34 Mbps e 27 Mbps e il ping rispettivamente di 34 ms e 44 ms. Questa volta, le velocità di download si attestano a circa 147 Mbps e 115 Mbps, le velocità di caricamento a 16 Mbps e 12 MBps e il ping a 16 ms e 12 ms. Tuttavia, come nel caso degli utenti americani, le latenze di picco e minima sono notevolmente migliorate.

Questi cambiamenti sono naturali poiché il numero di abbonati che hanno iniziato a utilizzare Starlink è cresciuto da luglio dello scorso anno. Le ultime stime fornite da SpaceX alla Federal Communications Commission (FCC) a marzo affermavano che ora serve più di 400.000 consumatori in tutto il mondo. Rispetto ai 145.000 abbonati Starlink all’inizio di quest’anno, si tratta di un grande aumento soprattutto perché il numero di satelliti che SpaceX può mettere in orbita continua a rimanere limitato a causa del razzo Falcon 9. Su questo fronte, SpaceX sta sviluppando il suo razzo Starship, che avrà la capacità di lanciare centinaia di satelliti in un unico lancio, significativamente superiore a quello di cui è capace il Falcon 9.


Leave a Comment